Le Rubriche

I crauti

Quando sentiamo parlare di crauti spesso pensiamo a succulenti panini gustati durante le nostre vacanze altoatesine o al contorno dal sapore intenso di un invernale hot dog. Ma se crediamo che si tratti di un piatto “pesante” e di difficile digeribilità ci stiamo davvero sbagliando.

Il termine crauto deriva dal tedesco kraut che definisce genericamente gli ortaggi a foglia; in Germania, al contrario, questa verdura prende il nome di sauerkraut, una precisa tipologia di cavolo descritto come acido. Si tratta di una pietanza dalla storia antichissima, basti pensare che già nell’Antica Roma i cavoli venivano fatti fermentare e che i conquistatori sceglievano questo piatto per i propri viaggi alla scoperta dell’America.

I crauti sono un contorno che spesso si acquista già pronto, in scatola per esempio, ma che si può preparare anche in casa tagliando il cavolo cappuccio e lasciandolo fermentare con sale ed aromi. Sebbene il loro sapore sia forte e deciso non ci troviamo però di fronte ad una pietanza “pesante”: i crauti sono infatti ricchi di vitamine, altamente digeribili ma poco calorici. Si tratta quindi del contorno perfetto a piatti più grassi come wurstel e salsicce.

Per portare un po’ di Germania e di Octoberfest anche sulle nostre tavole possiamo dunque provare a preparare questo saporitissimo contorno senza dimenticare il suo ingrediente segreto, la pazienza, visto che occorre attendere all’incirca un mese di fermentazione per poterli assaporare.
Provalo anche nel tuo bar con la nostra gustosa ricetta!

Scrivi un Commento